LA SCUOLA DEI BAMBINI 

Un percorso di Scoperta, Gioco, Disegno ed Espressione per bambini 6-9 anni


Il Disegno Dinamico, volto a far esplodere la Gioia Profonda della Vita, favorisce l’apertura di uno spazio sensibile attraverso cui disegniamo, con tutti noi stessi.

Il Disegno Dinamico è un disegno che ci permette di fare un’esperienza “globale”, di conoscerci nella nostra interezza ed esprimerci. Favorisce l’integrazione di ogni nostra parte, “buona” e “cattiva”, “bella” e “brutta”, andando oltre gli stereotipi e il giudizio.


Impariamo L’OSSERVAZIONE DELLA REALTA' per poter DISEGNARE

Favoriamo L'ASCOLTO DI NOI STESSI (emozioni, sensazioni, pensieri) per arricchire e riempire di significato il nostro disegno

Sviluppiamo la CAPACITA’ DI USARE IL COLORE

Impariamo a CONFRONTARCI E RACCONTARCI, accogliendo tutto ciò che fa parte di noi, senza giudicare.

Sperimentiamo e favoriamo LA FLUIDITA’ di questi contenuti

Ci avviciniamo alla percezione della nostra “CASA INTERIORE” che sostiene e accoglie.


Questi i momenti salienti del percorso:

LE PASSEGGIATE E IL RESPIRO SILENZIOSI

Momenti trascorsi in natura, o attorno ad una fiamma o a un fiore osservando ed ascoltando ciò che si muove dentro noi stessi. Un pensiero, un’emozione, una sensazione…

Il bambino viene accompagnato alla scoperta di sé e arriva a comprendere che al suo interno ci sono curiosità sempre nuove e diverse da scoprire.

IL DISEGNO PSICOSOMATICO

L’occasione di visualizzare ciò che l’esperienza ci ha portato a percepire per poter leggere il libro più prezioso del mondo: noi stessi! 

Saper leggere la propria vita significa poterla conoscere e quindi poterla apprezzare facendo esplodere la gioia oppure scoprire che qualcosa non va e allora per poterlo cambiare prima di tutto lo ascoltiamo e lo accogliamo. 

L’ottica è quella di cambiare il nostro atteggiamento e il nostro sguardo e solo di conseguenza quello che c’è fuori.

LE FIABE

Piccoli racconti o fiabe ci servono per mettere in scena, divertendoci, delle grandi metafore della nostra vita.  

Lavoriamo sulle nostre ombre e sulla nostra luce, cercando un equilibrio dato dalla continua comunicazione e amicizia delle parti.

IL DISEGNO DINAMICO

Poter disegnare ciò che vogliamo raccontare ci offre un grande senso di realizzazione, soprattutto se ci piace disegnare. 

Lo facciamo con intenzione acquisendo gli strumenti necessari, per esempio l’osservazione diretta e alcune tecniche come la semplificazione geometrica degli oggetti e dei corpi. 

Nello stesso tempo però ci lasciamo andare alla nostra libertà di espressione, stimolati dalla musica e dai suoni. 

L’atteggiamento che coltiviamo è la curiosità verso ciò che emerge. 

Gli strumenti di lavoro - china, gessetti, pastelli a olio, matite, gomma e gomma pane - stimolano il senso di scoperta e garantiscono il divertimento.


INFORMAZIONI E DATE

I ciclo - 5 incontri 19, 26 ottobre 9, 16, 23 novembre

II ciclo - 5 incontri 8, 15, 22, 29 marzo 5 aprile (o 22 aprile se festività scolastica per la Pasqua)

Età:  6 -9 anni 

Giorno: giovedì ore 17.30-18.30

Luogo: Rodano (Mi) 


Entrambi i cicli sono frequentabili singolarmente. 


Le iscrizioni sono aperte fino a completamento del gruppo (6-8 bambini). 

Scrivere a deborapersicoillustrazione@gmail.com


APPROFONDIMENTO

Perché una “Nuova Bottega”?

Cos’è il “disegno dinamico”?

Quando nel 2009 ho fondato La Bottega ho voluto offrire ai bambini la mia stessa fortuna e cioè quella di poter assecondare l’istinto primordiale di lavorare con le mani e il bisogno intimo di raccontare/mi attraverso il disegno. Ho studiato così un percorso di manualità e disegno a loro misura.

Con La Nuova Bottega la mia intenzione è quella di offrire loro degli strumenti per imparare a disegnare facendolo però in maniera unica, attingendo alla propria sensibilità oltre che all’osservazione del reale

Da un lato c'è la tecnica ma dall'altro c'è un mondo sensibile che va conosciuto, accolto. Delicate e giocose esperienze dirette e condivise ci permettono di evitare che pensieri, emozioni e sensazioni restino inascoltate, non riconosciute e messe a tacere perché troppo frettolosamente giudicate o sottovalutate. Si prevengono così stati di turbolenza, di irrequietezza, di ansia, di mancanza di stima e fiducia.

Facendo esperienze di tipo “globale” ci si riimpossessa e si protegge la Gioia Profonda della Vita,  favorendo una crescita sana.